BookPorn 💖 L'8 leggendo

BookPorn
No, non si tratta di robe vietate ai minori! In questa rubrica, a cadenza casuale, rientreranno tutti i post sì legati al mondo dei libri ed al profondo amore per i libri, ma non incentrati esclusivamente su questi. Potrete trovare, quindi, liste a tema, riferimenti alla lettura nella musica, nel cinema, nell'arte, ma anche raccolte di accessori e gadget che farebbero impazzire qualunque lettore. Sintetizzando... BookPorn!
E gli auguri, e gli spettacoli di spogliarellisti, e le mimose - che sono orride e puzzano -, e le immagini teribbili in stile La piaga dei cinquantenni sul web ricondivise all'infinito su Whatsapp, e la retorica sull'universo femminile, e le sentenze di chi pensa di sapere CHI debba essere una donna, COSA debba fare una donna, COME si debba comportare una donna... e poi lei. Una delle frasi più ricorrenti durante la giornata dell'otto marzo: "Certo, certo, un giorno dedicato alla donna... e gli altri 364?!".

E PROPRIO QUA VI VOLEVO!

Tutta per voi, una piccola lista di dieci meravigliosi libri in cui le donne sono le protagoniste, donne tutte diverse fra loro ma tutte simili perché forti, indipendenti, avventurose, battagliere. Leggerne uno, leggerne alcuni, leggerli tutti è indubbiamente un ottimo modo per far durare l'8 marzo più a lungo, per continuare ad onorare la forza di tutte le donne ed il coraggio e l'ostinazione di chi ha lottato e continuerà a lottare per permetterci di raggiungere la parità di genere.

Per tutti i gusti e per tutte le età, molti dei titoli inseriti nella lista sono stati letti, alcuni sono stati recensiti (la recensione la trovate sotto l'immagine della copertina), due o tre li ho scelti sulla fiducia.
Ma, attenzione, non si pensi che questi siano libri per donne, perché una minchiata del genere, diciamolo chiaro e tondo, non esiste. I libri, tutti, sono per tutti, per chiunque voglia leggerli, per tutti quelli a cui potrebbero piacere.

Anzi, facciamo così: dal momento che sarebbe bellissimo estendere questa - davvero smilza - lista di titoli, che ne dite di lasciare in un commento il titolo di un libro (rimanendo in tema, of course) che avete letto o di cui avete sentito parlare e vorreste tanto leggere?
Aspetto di scoprire da voi tante nuove storie al femminile e, ancora meglio, se vi va potete condividere questo post sui vari social così da scoprire quanti più titoli possibile!

Buona Giornata della Donna! 💛
Faremo foresta Ilaria Bernardini
Faremo foresta - Ilaria Bernardini
Mondadori • 30 gennaio 2018 • rilegato • 186 pagine • € 19.00 • amazon.it
Tutto ha inizio nel giorno del disastro. Anna sta piangendo la fine del suo amore: lei e il papà di Nico, il loro bambino di quattro anni, hanno deciso di lasciarsi. Quel giorno Anna incontra per caso Maria, un'amica di sua sorella che non conosce bene. Mentre parlano, Maria comincia a stare molto male. Anna le tiene la mano, la guarda crollare, chiama i soccorsi. Solo dopo l'ambulanza, il ricovero, le telefonate, si scopre che Maria ha avuto un aneurisma cerebrale.
Trascorre una lunga estate di convalescenza e dolore per entrambe. Come si fa a reimparare a uscire di casa e parlare con le persone dopo aver capito quanto vicina è la fine? Come si fa a dire a un bambino che il papà e la mamma non si amano più? La crisi economica ha intanto reso tutti più poveri, le meduse invadono i mari, si annuncia la fine del mondo e pure le piante sul terrazzo della nuova casa di Anna e Nico sono mezze morte. Attorno alle due donne, solo siccità, incertezza e paura. Finché, insieme, cominciano a occuparsi del terrazzo disastrato e, mentre Maria toglie il secco e il morto, pianta nuovi semi e rinvasa, Anna le prepara da mangiare. Così, stagione dopo stagione, la menta diventa verdissima e forte, il limone e il fico danno i frutti e spuntano i girasole. L'oleandro e il glicine s'infittiscono, arrivano le lucertole, le farfalle, e ogni mattina un merlo comincia a visitare Anna e Nico.
Le due donne imparano a prendersi cura delle piante e l'una dell'altra. E proprio come il terrazzo, anche questa storia si fa sempre più rigogliosa, fino a trasformarsi in una foresta, talmente selvaggia da contenere le vicende di tutta l'eccentrica famiglia di Anna e persino quelle della buffa cartomante a cui lei si rivolge in cerca di aiuto.
A partire da un dolore comune a tanti - la malattia, la fine di un matrimonio, un bambino da proteggere - e armata di un talento luminoso e di una grazia unica, Ilaria Bernardini inventa un alfabeto botanico-sentimentale con cui compone una formula magica dal potere universale. Con Faremo Foresta inauguriamo un movimento gentile, fatto di cura e mani nella terra, di attenzione e di presenza. Questo libro è molto più di una storia, è un inno alla vita, una dolce rivoluzione del pensiero, un mantra per sopravvivere alla siccità e fiorire nel deserto. Per, poi, fare foresta.
Donne in fuga Maria Serena Mazzi
Donne in fuga - Maria Serena Mazzi
il Mulino • 1 giugno 2017 • brossura • 180 pagine • € 14.00 • amazon.it
Recensione
Nel Medioevo le donne vivevano in una rigida sottomissione. Non assecondare la volontà della famiglia, non ubbidire agli uomini, padri, mariti o padroni, manifestare indipendenza di giudizio o di comportamento facevano di loro delle ribelli. Ma non sono mancate sante, regine, badesse, semplici monache, umili contadine, serve, schiave, eretiche, streghe, prostitute che hanno scelto di sottrarsi a destini segnati, resistendo, opponendosi, fuggendo. Donne decise a viaggiare, conoscere, insegnare, lavorare, combattere, predicare. O semplicemente a difendersi da un marito violento, da un padrone brutale. O a salvarsi la vita, scampando ai roghi dell'Inquisizione. Da Margery Kempe a Giovanna d'Arco, da santa Brigida a Eleonora d'Aquitania, alle tante ignote o dimenticate donne in fuga verso la libertà.
Persepolis Marjane Satrapi
Persepolis - Marjane Satrapi
Rizzoli • 10 gennaio 2007 • brossura • € 24.00 • amazon.it
Marjane è una ragazzina di 8 anni che vive in Iran in una famiglia dagli ideali progressisti: suo zio e suo nonno sono infatti stati prigionieri politici, e i suoi genitori scendono spesso in piazza per manifestare contro il regime dello Scià. Quando però il governo di quest’ultimo cade e viene instaurata la Repubblica Islamica, le cose non migliorano, anzi: tutti si devono dimostrare rigorosamente praticanti nei confronti della religione, e anche le donne abituate a girare per le strade con vestiti “occidentali” devono iniziare a coprirsi con il chador.
Polissena del Porcello Bianca Pitzorno
Polissena del Porcello - Bianca Pitzorno
Mondadori • 2 aprile 2010 • brossura • 368 pagine • € 10.00 • amazon.it
Polissena vive felice con la sua famiglia, ma un brutto giorno viene a sapere di essere una trovatella. Sconvolta, scappa di casa e si unisce alla Compagnia di Animali Acrobatici di Lucrezia, piccola girovaga stracciona, che l'aiuterà nella difficile ricerca dei suoi veri genitori. E qui comincia il bello, perché le piste da seguire sono molte e confuse... Polissena scoprirà di essere una povera orfanella o una principessa?
Il racconto dell'ancella Margaret Atwood
Il racconto dell'ancella - Margaret Atwood
Ponte alle Grazie • 1 giugno 2017 • brossura • 398 pagine • € 16.80 • amazon.it
Recensione
In un mondo devastato dalle radiazioni atomiche, gli Stati Uniti sono divenuti uno Stato totalitario, basato sul controllo del corpo femminile. Difred, la donna che appartiene a Fred, ha solo un compito nella neonata Repubblica di Galaad: garantire una discendenza alla élite dominante. Il regime monoteocratico di questa società del futuro, infatti, è fondato sullo sfruttamento delle cosiddette ancelle, le uniche donne che dopo la catastrofe sono ancora in grado di procreare. Ma anche lo Stato più repressivo non riesce a schiacciare i desideri e da questo dipenderà la possibilità e, forse, il successo di una ribellione. Mito, metafora e storia si fondono per sferrare una satira energica contro i regimi totalitari. Ma non solo: c'è anche la volontà di colpire, con tagliente ironia, il cuore di una società meschinamente puritana che, dietro il paravento di tabù istituzionali, fonda la sua legge brutale sull'intreccio tra sessualità e politica. Quello che l'ancella racconta sta in un tempo di là da venire, ma interpella fortemente il presente.
Una vita all'improvvisa Franca Rame Dario Fo
Una vita all'improvvisa - Franca Rame, Dario Fo
Guanda • 7 ottobre 2010 • brossura • 317 pagine • € 11.00 • amazon.it
All'apertura del sipario appaiono due ampi schermi sui quali sono proiettati un manifesto e una scenografia della commedia dell'arte. Entra in scena Franca. Comincia così la storia della vita di Franca Rame: una vita stracolma di esperienze che suo marito Dario, il figlio Jacopo, gli amici l'avevano ripetutamente invitata a raccontare, senza riuscire a vincere le sue resistenze. Finché un giorno Dario, aprendo il cassetto di un armadio, incappa in una grande busta di appunti. Curioso, di nascosto si fionda nella lettura: storie che raccontano di Franca bambina, della sua straordinaria famiglia di attori del teatro "all'italiana" le cui origini risalgono a cinque secoli fa, della corriera chiamata Balorda con cui si spostavano di piazza in piazza, dell'incontro con Dario, della loro vita e del loro lavoro teatrale comune, del successo di pubblico e della tormentata vicenda in Rai, dell'impegno sociale e politico, con spettacoli di denuncia - dalla corruzione alla mafia, dal golpe cileno alla morte di Pinelli -, delle battaglie e delle censure, dello stupro subito, fino all'impegno come senatrice. "Adesso provaci un po' a raccontarmi che non ce la fai a scrivere le tue storie! Queste cosa sono?!" le dice Dario sbattendo sul tavolo il malloppo. Discutono, litigano con accanimento, poi Franca sbotta: "E va bene, ci sto! Mi impegno a farne uno scritto da teatro... perfino un libro se vuoi! Però pretendo che tu mi dia una mano" Dario fa una risata e come un fulmine si mette a lavorare.
Sempre libera Lorenza Natarella
Sempre libera - Lorenza Natarella
BAO Publishing • 7 settembre 2017 • rilegato • 192 pagine • € 19.00 • amazon.it
Maria Callas. La Divina. Un personaggio impossibile da raccontare in modo convenzionale, che Lorenza Natarella affronta con uno stile – biografico, narrativo e visuale – unico e senza precedenti, come la donna la cui vita narra in queste 192 pagine, dal primo all’ultimo giorno, usando una mise en page eclatante, iperbolica ed elegantissima, esaltata da una bicromia nero-rosa deliziosamente glamour. Un libro su una donna senza compromessi, la cui imponente figura si staglia sfacciata su uno sfondo di personaggi di contorno memorabili, da Renata Tebaldi a Luchino Visconti, da Franco Zeffirelli ad Aristotele Onassis, fino a Pier Paolo Pasolini. Una delle dive più grandi di tutti i tempi, di cui ricorre nel 2017 il quarantennale della morte, rivive attraverso le sue boutade rutilanti, il suo genio contorto, il rapporto doloroso con la madre che l’ha fatta e inventata. Una biografia con il respiro di un romanzo.
Zia Mame Patrick Dennis
Zia Mame - Patrick Dennis
Adelphi • 22 giugno 2011 • brossura • 380 pagine • € 12.00 • amazon.it
Recensione
Immaginate di essere un ragazzino di undici anni nell'America degli anni Venti. Immaginate che vostro padre vi dica che, in caso di sua morte, vi capiterà la peggiore delle disgrazie possibili, essere affidati a una zia che non conoscete. Immaginate che vostro padre - quel ricco, freddo bacchettone poco dopo effettivamente muoia, nella sauna del suo club. Immaginate di venire spediti a New York, di suonare all'indirizzo che la vostra balia ha con sé, e di trovarvi di fronte una gran dama leggermente equivoca, e soprattutto giapponese. Ancora, immaginate che la gran dama vi dica "Ma Patrick, caro, sono tua zia Mame!", e di scoprire così che il vostro tutore è una donna che cambia scene e costumi della sua vita a seconda delle mode, che regolarmente anticipa. A quel punto avete solo due scelte, o fuggire in cerca di tutori più accettabili, o affidarvi al personaggio più eccentrico, vitale e indimenticabile e attraversare insieme a lei l'America dei tre decenni successivi in un foxtrot ilare e turbinoso di feste, amori, avventure, colpi di fortuna, cadute in disgrazia che non dà respiro - o dà solo il tempo, alla fine di ogni capitolo, di saltare virtualmente al collo di zia Mame e ringraziarla per il divertimento.
La rivoluzione della luna Andrea Camilleri
La rivoluzione della luna - Andrea Camilleri
Sellerio • 7 marzo 2013 • brossura • 276 pagine • € 14.00 • amazon.it
"Racconto veritiero di una storia solo in parte supposta, il romanzo cresce e concresce scortato dalla luna. Tutto era lecito allora, nel Seicento, a Palermo, fuorché ciò che era lecito. (...) Tra le pompe di un dovizioso apparato, con maggiordomi, paggi, maestri di casa e scacazzacarte, e in mezzo a uno strisciar di riverenze, di ludi e di motteggi, era tutto un rigirar di scale e porte: un far complotti, ordire attentati, muover coltelli e insanguinar le mani; violar le leggi, collezionar prebende, metter tangenti, dispensar favori e accudir parentele; abusare, predare e ladroneggiare, intorbidar le acque; industriarsi nel vizio, puttaneggiare e finger compassione e trepida carità per il sesso più giovane, e derelitto, mentre un'enfasi scenica e profanatoria provvedeva ai corrotti desideri con burlesques di tonache coi fessi aperti dietro e dinanzi. L'illegalità lavorava a pieno servizio. Era il predicato forte della politica del Sacro Regio Consiglio, e delle sue mosse proditorie, dapprima alle spalle di un Viceré che la malattia aveva reso tardo e lento, grave di carne tremolosa, dirupato e assopito sul suo carcassone; e poi contro la sua vedova, donna Eleonora di Mora, senza paragone diversa, lucidamente ferma e decisa nella difesa delle leggi e della giustizia sociale, da lui designata a sostituirlo in caso di morte improvvisa. Fu così che, nel 1677, la Sicilia ebbe un Viceré "anomalo". Un governatore donna." (Salvatore Silvano Nigro)
Mille splendidi soli Khaled Hosseini
Mille splendidi soli - Khaled Hosseini
Pickwick • 10 giugno 2014 • brossura • 407 pagine • € 11.90 • amazon.it
A quindici anni, Mariam non è mai stata a Herat. Dalla sua "kolba" di legno in cima alla collina, osserva i minareti in lontananza e attende con ansia l'arrivo del giovedì, il giorno in cui il padre le fa visita e le parla di poeti e giardini meravigliosi, di razzi che atterrano sulla luna e dei film che proietta nel suo cinema. Mariam vorrebbe avere le ali per raggiungere la casa del padre, dove lui non la porterà mai perché Mariam è una "harami", una bastarda, e sarebbe un'umiliazione per le sue tre mogli e i dieci figli legittimi ospitarla sotto lo stesso tetto. Vorrebbe anche andare a scuola, ma sarebbe inutile, le dice sua madre, come lucidare una sputacchiera. L'unica cosa che deve imparare è la sopportazione. Laila è nata a Kabul la notte della rivoluzione, nell'aprile del 1978. Aveva solo due anni quando i suoi fratelli si sono arruolati nella jihad. Per questo, il giorno del loro funerale, le è difficile piangere. Per Laila, il vero fratello è Tariq, il bambino dei vicini, che ha perso una gamba su una mina antiuomo ma sa difenderla dai dispetti dei coetanei; il compagno di giochi che le insegna le parolacce in pashtu e ogni sera le dà la buonanotte con segnali luminosi dalla finestra. Mariam e Laila non potrebbero essere più diverse, ma la guerra le farà incontrare in modo imprevedibile. Dall'intreccio di due destini, una storia che ripercorre la storia di un paese in cerca di pace, dove l'amicizia e l'amore sembrano ancora l'unica salvezza.

2 commenti: