15.5.17

• A Clash of Covers •
La migliore amica di Claire Douglas

Buongiorno a tutti, lettori, e buon lunedì!
Siete pronti per iniziare la nuova settimana con A Clash of Covers?
Citazione ed omaggio ad A Clash of Kings, titolo originale del secondo libro della saga Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin, A Clash of Covers è una rubrica settimanale pensata per alleviare un po' il trauma del lunedì e rendere un po' più sopportabile il ritorno a lavoro e studio. 😄
Ogni lunedì sceglierò un libro di un autore straniero fra quelli in uscita che vi segnalo in Coming Soon - o fra quelli freschi di pubblicazione -, mettendo a confronto la copertina dell'edizione originale e quella dell'edizione italiana, per scoprire quale delle due risulta più azzeccata in base alla trama o, semplicemente, quale ci piace di più!
Per l'A Clash of Covers di questa settimana ho scelto La migliore amica di Claire Douglas, edito dalla Nord, in libreria da giovedì 18 maggio (ma già prenotabile su Amazon).
Trama
Dopo la misteriosa scomparsa della sua migliore amica Sophie, Francesca aveva sentito il bisogno di lasciare Oldcliffe, la cittadina in cui era nata e cresciuta, e di scappare a Londra, dove si è costruita una nuova vita. Sono passati vent'anni da allora, eppure Francesca ha l'impressione di non essere mai riuscita a colmare il vuoto lasciato da Sophie. E ne ha la conferma non appena Daniel, il fratello di Sophie, la informa che sono stati rinvenuti dei resti umani vicino al vecchio molo, proprio nel luogo in cui la ragazza era stata vista per l'ultima volta. Francesca non ha dubbi: deve tornare a casa. Solo così potrà chiudere i conti col passato. Tuttavia, più tempo passa a Oldcliffe, più Francesca ha l'impressione di essere spiata. E il sospetto diventa certezza nel momento in cui inizia a ricevere messaggi minatori e telefonate anonime. Come se qualcuno stesse facendo di tutto per impedirle di scoprire cosa sia successo davvero quella terribile notte di vent'anni prima. E, ben presto, Francesca si renderà conto che la ricerca della verità potrebbe costarle molto caro. Perché potrebbe portare alla luce anche il segreto che lei e Sophie hanno giurato di proteggere a ogni costo...
Veniamo ora alle copertine!
Edizione originale
Edizione italiana


Credo questa sia la prima volta, da quando ho fatto partire questa rubrica, che non riesco proprio a farmi piacere né la copertina originale né quella dell'edizione italiana.

La copertina originale di Local girl missing, uscito l'11 agosto 2016, non mi piace per niente, sembra un lavoro fatto senza impegno e senza voglia. Mi ricorda - ARGH - quei libri tremendi tipo Harmony che ti ritrovi nelle edicole dei posti di mare a casa di Dio, a kilometri di distanza dalla civiltà, mentre tu disperata vaghi alla ricerca di un libro, uno soltanto, che sia anche solo lontanamente decente e che, quando lo trovi, ti pare il Santo Graal.
Ah-ehm.
Perdonate la divagazione.
Insomma, non mi piace niente: non mi piace la foto, non mi piace il titolo, non mi piace il font (sì, scusate, io dico IL font, ché LA font mi suona malemalissimo) né l'effetto gradiente/trasparenza dato alla parola "missing". Blèh.

La copertina dell'edizione italiana è un pocheeetto meglio anche se, insomma, non è che mi faccia impazzire 'sto legno verde. Mi piace la scelta delle polaroid, ma NON quelle due didascalie inserite lì in quel modo. Le due foto scelte, poi, mi sanno di finto, di artefatto, mi ricordano più i servizi fotografici di una rivista di moda che delle polaroid che in teoria ci si scatta fra amiche. Il senso dovrebbe essere quello, o sbaglio? Alla fine, per l'edizione italiana, mi sbilancerei con un MEH, che è comunque preferibile al BLÈH della copertina originale.

Voi cosa ne dite? Esprimete pure la vostra preferenza nei commenti, se vi va, e magari lasciate anche una vostra interpretazione! 😊
L'autrice
Claire Douglas è una giornalista che scrive da quindici anni sia su quotidiani sia su riviste femminili. Tuttavia ha sempre coltivato la passione per la narrativa e il suo sogno di diventare scrittrice è divenuto realtà con Le sorelle, con cui si è aggiudicata il Marie Claire Debut Novel Award. Attualmente vive a Bath col marito e i due figli.

1 commento:

  1. Ciao!
    Fra le due, se proprio devo scegliere, preferisco la nostra. Non rientra di certo fra le mie preferite, ma un'occhiata al romanzo lo darei se me la trovassi davanti.
    Certo, non mi fanno impazzire le foto scelte dalla CE, considerando che non mi dicono assolutamente nulla, ma almeno ci hanno provato a dare un alone di mistero xD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...